Comunicato Stampa – Iniziativa del direttivo Regionale Lazio

Comunicato Stampa - Iniziativa del direttivo Regionale Lazio

S.U.M.: INIZIATIVA DEL DIRETTIVO REGIONALE LAZIO CHE SCRIVE UNA LETTERA AL VICE MINISTRO DEL MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E TRASPORTI FORMULANDO DELLE VALIDE PROPOSTE PER MIGLIORARE LE CONDIZIONE DELLE MIGLIAIA DI PENDOLARI DELLE FORZE ARMATE CHE VIAGGIANO PRINCIPALMENTE DALLA CAMPANIA PER RAGGIUNGERE I LUOGHI DI SERVIZIO NEL LAZIO.
Si sono appena concluse le elezioni del direttivo regionale S.U.M. LAZIO, con:
- Pasquale D’Alterio quale Segretario Regionale;
- Beniamino Occhiocupo, Vice Segretario;
- Vincenzo Barbato Vice Segretario
- Francesco Azzarello Presidente,
che i citati dirigenti regionali, si sono fatti promotori di una validissima iniziativa che ha previsto il coinvolgimento del VICE MINISTRO delegato del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, per la formulazione di alcune proposte per il miglioramento della vita quotidiana di tanti pendolari campani e non che ogni giorno devono recarsi nei luoghi di servizio nella Capitale.
La lettera inviata ha chiesto al Vice Ministro Bignami, autorevole intervento al fine di voler attuare ogni azione ritenuta utile e possibile presso i competenti uffici dei gestori del servizio pubblico di trasporto su rotaie in favore del personale militare al fine del conseguimento di più elevati canoni di efficienza lavorativa del personale e del possibile miglioramento delle loro condizioni di vita.
L’esigenza nasce chiaramente dalla carenza di alloggi di servizio presso le principali città italiane dove il carovita e l’innalzamento dei prezzi al consumo non consentono con gli stipendi attuali del personale appartenente alle categorie economicamente più deboli, di poter far fronte a simili esigenze.
Sul tema degli alloggi di servizio torneremo presto con altre iniziative. In particolare poi è stato chiesto
- la possibilità di prevedere delle tariffe scontate/agevolate, sugli abbonamenti/carnet, per il personale militare che viaggia per raggiungere le sedi di servizio a volte distanti più di 200 km dai luoghi di residenza;
- di valutare alcune incongruenze riscontrate nell’attuale sistema di trasporto ed eventualmente intervenire per un miglioramento del servizio su alcune tratte ad alta frequenza giornaliera.
Inizia così, la prima di una lunga serie di richieste che formuleremo al Ministro Salvini e ai suoi Vice Ministri, per richiedere una maggiore sensibilità nei confronti del personale militare. Colleghi che per recarsi anche a prestare servizio nei luoghi di lavoro dove garantiscono la sicurezza dei cittadini nell’ambito dell’Operazione Strade Sicure, sono costretti a degli esborsi mensili di centinaia di euro.
Attendiamo fiduciosi una risposta.
Iscrivetevi le vostre richieste le vostre idee avranno voce e cammineranno tramite il S.U.M., affrettati a iscriverti entro il 31 gennaio prossimo. Aiutati a rappresentarti.
error: Contenuto protetto!